Revisione del DAC multibit Schiit Jotunheim

Revisione del DAC multibit Schiit Jotunheim
54 AZIONI

Una delle nuove società (ish) più avvincenti e colorate nello spazio audiofilo è Schiit Audio. Dalla sua fondazione nel 2010, i suoi fondatori, Mike Moffat e Jason Stoddard, hanno costantemente prodotto prodotti audiofili di fabbricazione americana che suonano fantastici a prezzi spesso notevolmente bassi. Sono stato un credente per almeno quattro anni, avendo investito in varie pile di attrezzi Schiit per desktop e comodini.



Il mio ultimo tuffo nella piscina Schiit è stato con il Modi DAG INEBRIOUS con il tubo Vali HPA (amplificatore per cuffie). Il Modi Multibit è stato di grande interesse per il suo chip DAC multibit, rispetto alla maggior parte delle altre offerte DAC dotate di chip delta-sigma. Il design di Moffat è teoricamente molto più fluido nella decodifica dei dati digitali e per $ 250 ero disposto a fare il grande passo e provarlo. Inutile dire che sono rimasto molto soddisfatto. Quindi, quando è arrivata l'ultima offerta di Schiit, ho colto ancora una volta la possibilità di fare l'aggiornamento.





Schiit_Jotunheim.jpg





Il DAC / HPA multibit Jotunheim ha un prezzo di $ 599, o less per la configurazione delta-sigma . È un'offerta fantastica per gli atleti desktop che sono interessati a passare da un dongle-DAC / HPA come il AudioQuest DragonFly .


Lo Jotunheim è dotato di due uscite: un'uscita bilanciata XLR e un'uscita sbilanciata da un quarto di pollice. L'uscita XLR va da 500 mW a 600 ohm a 7,5 watt a 16 ohm. Il jack da 3,5 mm fornisce 175 mW a 600 ohm fino a 2,5 watt a 16 ohm. La distorsione armonica totale è quotata a 109 dB.



Negli ultimi quattro mesi da quando l'ho ricevuto, sono rimasto molto soddisfatto della sua performance. L'ho usato per pilotare tre set di cuffie, che vanno dal MrSpeakers Ether Flow magnetici planari aperti a schienali chiusi Aeon Flow, nonché HD700 di Sennheiser . La mia unica fonte era un fai-da-te Roon-Ready Raspberry Pi streamer. Per poter utilizzare le uscite XLR, ho acquistato i cavi aftermarket Moon Audio Black Dragon per tutte e tre le cuffie.

come ottenere il vapore delle carte collezionabili

Schiit_Jotunheim_IO.jpg





A prima vista, lo Jotunheim offre due grandi aggiornamenti rispetto allo Stack Modi Schiit che stavo usando prima. Innanzitutto, come già accennato, ci sono uscite bilanciate e una potenza in uscita significativamente maggiore. Inoltre, l'alimentatore del Jotunheim è un trasformatore da 48 VA con sei stadi di regolazione discreta e circa 70.000 uF di capacità totale del filtro. Questo è un enorme passo avanti rispetto all'alimentatore per verruche a muro di Modi.

Schiit_Jotunheim_board.jpg





Mentre l'alternativa del chip DAC delta-sigma meno costosa di Jotunheim è un AK4490 che emette PCM fino a 192/24 , Il multibit proprietario di Schiit è indicato come filtro DSP ottimizzato nel dominio del tempo e della frequenza 'Comboburrito'. Non chiedere. Non so cosa significhi. Inutile dire che è brevettato e non utilizzato da nessun'altra azienda, e Schiit è molto attenta a proteggere le sue informazioni proprietarie. Il chip DAC multibit produce anche fino a 192/24 e Moffat ha ripetutamente affermato di non avere alcun interesse ad andare più in alto vis-a-vis Uscita PCM, integrazione di DSD o MQA. Sono le pause quando paghi circa $ 600 per un DAC / HPA killer.

Prestazione
Dopo circa 100 ore di ascolto non critico tramite lo Jotunheim e molte altre ore con Modi Multibit, mi sono sentito abbastanza a mio agio con il suono house di Schiit per iniziare a scavare per una valutazione seria.

Sia il Modi che lo Jotunheim mostrano dettagli sopra la media, grande separazione, soundstage e bassi potenti. La potenza in uscita dello Jotunheim è più che adeguata, e la maggior parte delle volte ho raggiunto la soglia del dolore con il volume oltre il 40 percento, ea quel punto non c'era distorsione distinguibile.


Come al solito, per questa recensione ho fatto affidamento su alcuni album standard con i quali ero intimamente familiare, il primo è stato l'epico album Yes. Fragile . Inizialmente pubblicato nel 1971, l'ho ascoltato sia su Redbook CD che su vinile per molti anni, questa versione corrente che stavo provando era un download 96/24 da HDTracks.com. A mio modesto parere, questo album è un magnum opus del prog rock degli anni Settanta ed è un album molto sottovalutato in termini di qualità di registrazione.

Il Jotunheim Multibit consente di ascoltare Jon Anderson respirare nel microfono durante l'apertura di 'Long Distance Runaround', che non ho mai sentito in un'altra versione. Durante l'ascolto di questo brano, sono stato immediatamente sorpreso dal lavoro di chitarra di Steve Howe, e mi piacerebbe immaginare di poter dire che stava suonando il suo marchio di fabbrica 1964 Gibson ES-175 . L'incredibile linea di basso di Chris Squire risuonava tra le lattine con un sacco di bassi, e la tastiera di Tony Kaye suonava assolutamente fantastica tramite lo Jotunheim.

Long Distance Runaround (2008 Remaster) Guarda questo video su YouTube


Il secondo disco che ho provato è stata la versione appena rilasciata di John Coltrane Entrambe le direzioni contemporaneamente . Questo album recentemente scoperto è stato registrato nel marzo del 1963 ai Van Gelder Studios nel New Jersey, con il Classic Quartet di Coltrane, McCoy Tyner al piano, Elvin Jones alla batteria e Jimmy Garrison al basso.

Questa straordinaria registrazione è stata rilasciata Compact disc , vinile , HDTracks.com ad alta risoluzione e Tidal Masters MQA. Questo è un album assolutamente sbalorditivo che al momento del rilascio la scorsa estate è diventato rapidamente uno degli album jazz più venduti dell'età moderna. Durante la traccia di apertura, 'Impressions', il sax di Coltrane è stato abilmente riprodotto dallo Jotunheim. Questo particolare album si presta molto bene alla configurazione magnetica planare posteriore aperta dei MrSpeakers Ether Flows.

John Coltrane - Untitled Original 11383 (Visualizer) Guarda questo video su YouTube

Infine, ho messo alla prova lo Jotunheim con uno dei miei vecchi album in standby, la versione del 1980 dei Dire Straits ' Fare film . L'epica traccia di apertura 'Tunnel of Love' ha aperto gli occhi sull'architettura multibit dello Jotunheim, in particolare l'edificio della coda della Stratocaster da un sussurro a una cacofonia virtuale verso la fine.

Tunnel of Love (Intro: The Carousel Waltz) Guarda questo video su YouTube

Lo Jotunheim ha alcune cose da fare rispetto al Modi Multibit, in particolare l'alimentatore lineare aggiornato e l'uscita bilanciata. C'è un evidente svantaggio: c'è solo un ingresso digitale sul Jotunheim - un USB - mentre sul Modi, ce ne sono tre: USB, ottico e coassiale. Per fare un confronto, è molto comodo utilizzare una sorgente Roon e passare dallo streamer Raspberry Pi DIY a un Chromecast Audio tramite Modi, e questa non è un'opzione su Jotunheim, che sembra una svista lampante.

Punti alti

  • Lo Schiit Jotunheim è un DAC / HPA relativamente economico a $ 599, con una fantastica architettura digitale e un'uscita per cuffie bilanciata.
  • Lo Jotunheim racchiude un alimentatore lineare notevolmente aggiornato rispetto al suo predecessore.

Punti bassi

  • La nuova configurazione Jotunheim più costosa è più del doppio delle dimensioni e del peso di uno Schiit Stack standard.
  • L'ingresso digitale solitario è un po 'una delusione.
  • Non c'è supporto per DSD e MQA.

Confronto e concorrenza


Il $ 479 Chord Mojo è un DAC / HPA portatile / desktop ben consolidato ed è stato recensito molto bene. In termini di prezzo, lo Jotunheim è un po 'di più, ma l'offerta di Schiit è chiaramente pensata per un uso strettamente desktop con i suoi footpad e le grandi manopole tattili. Il Mojo può essere utilizzato come oggetto da scrivania, ma è anche portatile. Secondo me, il suono è paragonabile, con lo Jotunheim che vince nella categoria di potenza e il Mojo che lo batte un po 'nel recupero dei dettagli.

Il Pro-Ject Pre Box S2 Digital è un prodotto recentemente rilasciato dalla trentenne azienda austriaca, ed è stato anche accolto molto favorevolmente. Come il Jotunheim, questo è pensato per un uso desktop di piccole dimensioni. A $ 399, è leggermente meno costoso dello Jotunheim. Ha alcune offerte che il Jotunheim non offre, ad esempio gli ambiti tre ingressi digitali (coassiale, USB e ottico) e offre supporto MQA. Tuttavia, non ha uscite bilanciate o un alimentatore lineare, né ha la tecnologia multibit proprietaria di Schiit.

Conclusione
Il Jotunheim è un'opzione fantastica per coloro che cercano un suono desktop di alta qualità e sono incuriositi dalla tecnologia multibit di Schiit. Inoltre, il suo eccellente alimentatore lineare e il supporto per l'uscita XLR bilanciata rendono l'esperienza delle cuffie speciale. Tuttavia, non offre più ingressi digitali e non supporta DSD o MQA. Ma coloro che vogliono molta potenza per le loro difficili cuffie bilanciate avrebbero difficoltà a fare meglio delle Jotunheim. Ad ogni modo, dovresti considerare di controllare lo Jotunheim, poiché questo è un inferno di un piccolo DAC.

Risorse addizionali
• Visitare il Sito web di Schiit per ulteriori informazioni sul prodotto.
• Dai un'occhiata al nostro Convertitore da digitale ad analogico pagina di categoria per leggere recensioni simili.

come riprodurre uno snap su snapchat
Controlla il prezzo con il fornitore